Cookie

Calcestruzzo fibrato ADRANO CALCESTRUZZI

Disponibilità immediata
€ 0,00
Supplemento spedizione 
Supplemento una tantum 
paypal logoPAGA IN 3 RATE  (senza interessi)
al mese - scopri di più

Calcestruzzo: i vantaggi delle fibre naturali CHRYSOFibre UF 500

La scelta di impiegare, all’interno dei calcestruzzi, fibre di origine naturale (cellulosa) come le CHRYSOFibre UF 500 destinate al controllo dei fenomeni di ritiro e la capacità intrinseca di aumentare la resistenza all’usura superficiale è stata dettata dall’attenzione che è stata posta nel proporre un sistema ecologico.

Il moto ondoso a cui sono soggetti i blocchi porta nel tempo al loro degrado; il materiale eroso entra quindi in mare.

La caratteristica della fibra CHRYSOFibre UF 500 è quella di essere totalmente ecologica e di poter quindi integrarsi nell’ambiente marino senza danneggiarlo.

CHRYSOFibre UF 500 è la prima microfibra 100% cellulosa vergine disponibile sul mercato con brevetto di rivestimento alcalino-resistente appositamente progettato e prodotto secondo le ISO 9001.

Il 100% della cellulosa utilizzata proviene da foreste che beneficiano di una gestione e di una politica rispettose dell'ambiente.

Per ogni albero utilizzato per produrre CHRYSOFibre UF 500, vengono piantati altri alberi al suo posto.

È prodotto da risorse rinnovabili ed è conforme al National Building Codes, ASTM C1116-08 e ASTM D7357-07.

CHRYSOFibre UF 500 è stata testata con successo in relazione alle ASTM D6942 e ha superato i criteri di rendimento dell'ICC.

L’utilizzo attivo di CHRYSOFibre UF 500 promuove ecosistemi forestali sani e in crescita che aiutano l'ambiente e gli habitat degli animali.

Gli alberi assorbono l'anidride carbonica presente nell’atmosfera. Questi gas serra sono essenzialmente sequestrati nel calcestruzzo quando si utilizza CHRYSOFibre UF 500.

Le CHRYSOFibre UF 500 grazie alle loro caratteristiche permettono al calcestruzzo una riduzione significativa delle fessurazioni in fase plastica anche del 70%. Le caratteristiche principali sono l’elevato numero per mc: oltre 1.600.000 fibre per mc; hanno poi la caratteristica di essere sostanzialmente invisibili e grazie alla loro natura trattengono una piccola porzione di acqua che non interagisce con la lavorabilità del calcestruzzo, ma grazie a questo fenomeno ne permette un rilascio lento andando in tal modo ad agevolare la maturazione del calcestruzzo stesso. In più, riescono ad esaltare l’estetica del calcestruzzo avendo la capacità di assorbirne i colori e rendendolo quindi omogeneo ed uniforme.



 

Condividi

Carrello