Cookie

Rivestimento Ecologico ad Alta Resistenza MPM

Disponibilità immediata
€ 0,00
Supplemento spedizione 
Supplemento una tantum 
paypal logoPAGA IN 3 RATE  (senza interessi)
al mese - scopri di più

Descrizione

Verniciatura industriale nel settore alimentare: ciclo applicativo per pavimenti e pareti igienizzabili 

Nei locali dell’industria alimentare la manutenzione per la sicurezza dell’igiene interviene anche sui pavimenti e sulle pareti. Infatti, anche se non sono a diretto contatto con gli alimenti, questi devono essere trattati correttamente per non favorire lo sviluppo di sporco e batteri.

Quindi, per consentire una corretta prassi di igiene alimentare, tutte le superfici dei locali in cui avviene lo stoccaggio e la manipolazione degli alimenti vengono realizzate con materiali facilmente lavabili e disinfettabili. In questo articolo si descrive un ciclo applicativo completo in resina epossidica per la verniciatura di ambienti alimentari, compreso il trattamento delle zoccolature industriali con la realizzazione di una sguscia di raccordo resinata.

 

Quali sono le resine idonee per gli ambienti alimentari

Sulle superfici dei pavimenti si realizza una verniciatura resistente all’attacco chimico dei detergenti e dei disinfettanti utilizzati durante le operazioni di pulizia e disinfezione alimentare. Ma anche per il rivestimento delle pareti si deve prevedere un materiale liscio e lavabile.

Per realizzare una protezione igienizzabile completa dei locali alimentari è possibile intervenire con un unico prodotto applicabile anche in verticale su pareti e zoccolature di raccordo. In questi casi si utilizza la vernice epossidica all’acqua DUROGLASS P, prevedendo comunque anche un primer adeguato.

 

Rivestimento igienizzabile per le pavimentazioni dell’industriale alimentare

Le pavimentazioni di cemento diventano lavabili e disinfettabili applicando a strati il rivestimento speciale per ambienti alimentari DUROGLASS P.

Volendo rendere la superficie antisdrucciolevole, è sufficiente aggiungere la polvere di quarzo direttamente alla miscela dei due componenti di resina. Si raccomanda di fare sempre riferimento alla scheda tecnica per l’esatta granulometria delle cariche di quarzo da addizionare.

 

Condividi

Carrello